Il Cesanese, Fiuggi e i Papi

Pillole di storia della Francigena del Sud

Il nostro suggerimento:

puoi visitare questi luoghi in 3 giorni in tutta tranquillità.

Distanza complessiva: 53 km

     

    Preferisci essere accompagnato da una guida?

    SERVIZIO GUIDA

    Il Cesanese, Fiuggi e i Papi

    Pillole di storia della Francigena del Sud

    L’itinerario che ti proponiamo si snoda lungo la Strada del Vino Cesanese del Piglio DOCG, ancora oggi percorsa dai pellegrini della Francigena del sud. È un territorio gaudente, accogliente, genuino e vivace che offre cibi e vino straordinari, sagre, spettacoli, canti e balli della tradizione ciociara, ma anche tantissima storia e cultura. Ogni prima domenica di ottobre, a Piglio una grande sagra celebra il vino e la tradizione culinaria locale presso le antiche cantine riaperte per l’occasione.

    Sei in cerca di relax? Fiuggi è lì, a pochi chilometri. E ti aspetta con i suoi hotel dotati di modernissime Spa e centri benessere. Perché la Ciociaria è questo, il punto esatto in cui la tradizione prende per mano l’offerta ricettiva ed abbraccia il bisogno del viaggiatore, lo coccola, lo culla e lo porta ad un’esperienza pena ed appagante.


    Da scoprire in 3 giorni
    1 giorno: Paliano - Serrone 
    2 giorno: Piglio - Acuto
    3 giorno: Anagni – Fiuggi


    1 giorno

    PALIANO - SERRONE

    (distanza da Paliano a Serrone: 10 km)

    La giornata può cominciare da Paliano, inespugnabile roccaforte dei Colonna che visse un glorioso passato testimoniato ancora oggi dalla poderosa Fortezza, dal Palazzo Colonna, dalla Cattedrale di S. Andrea Apostolo, ricca di preziose tele neoclassiche. Il 15 agosto nel centro storico si svolge il Palio dell’Assunta: 700 figuranti in costume sfilano con musici e archibugieri per la rievocazione della vittoria della Battaglia di Lepanto.

    Consiglio goloso: non andar via senza aver prima assaggiato il pregiato olio extravergine Rosciola. 

    Pochi km e sei a Serrone dov’è davvero singolare il Museo di Costumi Teatrali donati dalla sarta Rai Beatrice Minori e indossati da EduardoGassmanBeppe Barra e altri arcinoti attori.

    Piccolo e prezioso Serrone è tutto aggrappato al Monte Scalambra; grazie alle ottime correnti ascensionali qui è meta privilegiata degli amanti del parapendio e del deltaplano.

    Consiglio goloso: acquista la ciambella serronese.


    2 giorno

    PIGLIO - ACUTO

    (distanza da Piglio ad Acuto: 10 km)

    Piglio sei nella capitale del vino Cesanese, perciò, non puoi andar via senza averne degustato un calice. Il Cesanese del Piglio è la prima Docg del Lazio.

    La pedemontana che collega Piglio ad Acuto è un percorso mozzafiato: un’ampia finestra panoramica si apre sulla valle e decine di paesi svettano sulle colline sottostanti, punteggiate di uliveti e vigne. Da visitare la Collegiata di S.Maria Assunta, per la ricchezza delle sue decorazioni a stucco, e la chiesa dei SS. Rocco e Sebastiano dalle pareti completamente affrescate nel 1500. Il paese è meta di pellegrinaggi diretti nella casa madre delle suore adoratrici del sangue di Gesù, fondata dalla Santa Maria de Mattias.

    Consiglio goloso: non dimenticare di assaggiare il buonissimo vino rosso Cesanese del Piglio.



    3 giorno

    ANAGNI - FIUGGI

    (distanza da Anagni a Fiuggi: 19 km)

    Regina del Medioevo Anagni è famosa nella storia per il tragico “Schiaffo” a Papa Bonifacio VIII, una vicenda che segnò la fine della disputa tra il Papa ed il Re di Francia Filippo "il Bello". Il “fattaccio”, che segnò il destino della Chiesa per ottant’anni, avvenne il 7 settembre 1303 nella sala del trono del Palazzo Papale. Preziosa per la sua architettura romanica, elegante e severa, la Cattedrale di Anagni (XII sec.) ricca di opere cosmatesche, è famosa per la sua preziosa cripta, conosciuta come la Cappella Sistina del Medioevo grazie al ciclo pittorico di eccezionale interesse che narra la storia della salvezza dell’uomo, dalla sua creazione fino alla fine dei tempi. Passeggiando lungo corso Vittorio Emanuele raggiungerai il Palazzo del Comune con la Sala della Ragione la cui costruzione poggia su poderose arcate. Né può mancare la visita a Casa Barnekow, di fronte alla chiesa di Sant’Andrea, che ammaliò il più grande studioso di sempre della romanità medievale, Gregorovius.

    Non servono presentazioni per Fiuggi, la più famosa città termale d’Europa. L’ospitalità è da primato. Gli hotel offrono piscine termali, trattamenti benessere e olistici. Nel nucleo storico del paese si affacciano palazzetti medievali e alcuni edifici liberty; particolarmente suggestivi i mosaici (1966-88) della Chiesa Regina Pacis, ubicata nella parte bassa della città, splendido tributo al cantico delle Creature di San Francesco. Soprattutto sei al centro di un comprensorio che nel giro di pochi chilometri vanta: due stazioni sciistiche, boschi, laghi, alcune tra le più importanti abbazie del mondo (Subiaco, Casamari, Alatri ecc.), il celeberrimo Golf Club, le acque idropiniche, la strada del Cesanese e infinite altre attrattive.


    Sign In