La Val di Comino, paesaggi fiabeschi di una valle romantica

Nel versante laziale del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio Molise
  • Home
  • Proposte
  • La Val di Comino, paesaggi fiabeschi di una valle romantica

Il nostro suggerimento:

puoi visitare questi luoghi in 4 giorni in tutta tranquillità.

Distanza complessiva: 111 km

     

    Preferisci essere accompagnato da una guida?

    SERVIZIO GUIDA

    La Val di Comino, paesaggi fiabeschi di una valle romantica

    Nel versante laziale del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio Molise

    Nel versante laziale del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio Molise

    Terra di cammino, battuta ancora oggi dai pellegrini della Francigena della Valcomino. Circondata dai monti dell’Appennino abruzzese e molisano, la Valle di Comino è uno dei luoghi dalla natura più bella e dai borghi più caratteristici del Lazio.


    Da scoprire in 4 giorni
    1 giorno: ALVITO - SAN DONATO VAL DI COMINO
    2 giorno: SETTEFRATI – SANTUARIO MADONNA DI CANNETO
    3 giorno: PICINISCO – STAZIONE SCIISTICA DI prati di mezzo - ATINA
    4 giorno: VICALVI - FONTECHIARI – LAGO DI POSTA FIBRENO


    1 giorno

    ALVITO - SAN DONATO VAL DI COMINO

    (distanza da Alvito a San Donato V.: 8 km)

    Il tour lungo il versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio Molise parte da Alvito, con i resti del Castello dei Conti d’Aquino nella parte alta, il Palazzo Gallio, oggi sede del Municipio, con importanti decorazioni, fregi e tele del Seicento e del Settecento.

    Consiglio goloso: assolutamente da fare scorpacciata di Torroncini di pasta reale di Alvito

    San Donato Val di Comino, comune che vanta i titoli di Bandiera Arancione del T.C.I e Borghi più belli d’Italia, regno del volo libero, del trekking, del golf, dello sci e cicloescurionismo. Gli agriturismi offrono ottime opportunità di accoglienza. Da qui, la SR509, via molto battuta dai cicloamatori nei periodi estivi, conduce al rifugio di Forca d’Acero (distanza:18,5 km) che in estate è punto di partenza di numerose escursioni, mentre d'inverno è luogo di sci di fondo con la pista internazionale di Macchiarvana.


    2 giorno

    SETTEFRATI E IL SANTUARIO DELLA MADONNA DI CANNETO

    (distanza da Settefrati alla Madonna di Canneto: 10 km)

    Da Settefrati una strada panoramica porta al Santuario della Madonna di Canneto a quota 1020 s.l.m., celebre luogo di fede e meta di pellegrinaggio ma anche luogo di partenza per incantevoli sentieri nel Parco Nazionale d'Abruzzo.

    Tornando verso Settefrati, proprio alle porte del paese, lungo la strada, trovi la chiesetta della Madonna delle Grazie. Sulla facciata è stata affrescata la visione del mondo dell'oltretomba di Frate Alberico, nato qui nel 1101. La descrizione del viaggio e il racconto delle visioni, secondo alcuni studiosi, avrebbero ispirato Dante Alighieri per la Divina Commedia.


    3 giorno

    PICINISCO - LA STAZIONE SCIISTICA DI PRATI DI MEZZO - ATINA

    (distanza totale da Prati di Mezzo ad Atina: 25 km)

    Il Romanticismo qui è di casa. Il suono ancestrale della zampogna, i sapori genuini del formaggio di Picinisco DOP, i vicoli stretti del borgo e ciò che resta del suo castello incantarono D.H.Lawrence durante il suo lungo soggiorno a Picinisco nel 1919.  Da qui si apre uno degli splendidi panorami sulla valle. Continuando a salire, la strada conduce ai campi da sci da fondo e da discesa di Prati di Mezzo (1450 m.).

    Consiglio goloso: al contadino non fate sapere quanto è buono…il Pecorino DOP di Picinisco (anche senza pere)

     

    Atina, tra “i Borghi più belli d’Italia”, è il capoluogo della Valle. Il Museo Archeologico porta indietro nel tempo, alle origini della storia della valle, così come nel Palazzo Ducale trovi “il Guerriero Sannita”, un mosaico a tessere bianche e nere del II sec. d. C., rara rappresentazione di un sannita raffigurato in quattro posizioni d’assalto. La piazza è teatro di numerose manifestazioni come il Festival Internazionale del Folklore e il Festival Atina Jazz al quale partecipano grandi artisti di fama internazionale. Importante è la storia della casa museo “Académie Vitti” dedicata agli artisti e modelli Cesare Vitti e sorelle Caira, fondatori di una delle più importanti scuole o atelier d’arte della Parigi di fine 1800.

    Consiglio goloso: da gustare con tutta calma i Fagioli Cannellini DOP e il Cabernet di Atina DOC


    4 giorno

    VICALVI - FONTECHIARI - LAGO DI POSTA FIBRENO

    (distanza totale dal Castello di Vicalvi al Lago di Posta Fibreno: 13 km)

    A Vicalvi troneggiano i resti di un imponente castello longobardo. Arroccato su una collina a circa 600 m. di altitudine e circondato da ben tre cinte murarie e da molte leggende.

    Una sosta, poco fuori di Fontechiari, ci fa scoprire un raro e importante esempio nel centro Italia di cimitero napoleonico, testimonianza della dominazione francese in Italia, costruito seguendo l'editto di Saint Cloud.

    A pochi chilometri, si entra nella Riserva Naturale Regionale del Lago di Posta Fibreno dove si trova l’isola galleggiante. A volte si vede, altre no. Il Lago, dalle acque sorgive limpidissime, è da sempre frequentato dai subacquei per immersioni con le bombole o in apnea, da ciclisti, da amanti del trekking o del birdwatching. Il lago ospita una specie molto rara di trota autoctona, la trota macrostigma e diverse specie di uccelli acquatici, fra cui il martin pescatore, il coloratissimo gruccione e l’airone.


    Sign In